Tempo di bilanci.

IMG_6055Dieci anni. Dieci anni di Club e di passione suggellati da un evento importante, il Raduno per il Decennale di Alfissima. Un raduno che fin dall’inizio ci e’ sembrato “diverso” forse insolito, forse speciale, poi lo abbiamo capito, e’ stato il raduno dove siamo tornati come per incanto a respirare l’aria di Alfissima, quella che a partire dal 2009 e’ andata via via forse perdendosi. Quell’aria che respiri e che ti fa capire che siamo una grande famiglia, che lo stare insieme e’ alla base di tutto. Chi aveva man mano inquinato l’aria ormai si e’ allontanato da tempo, l’ha inquinata tentando in maniera infima di trasformare il club nella propria personale vetrina, ove far vedere al mondo di essere il piu’ bravo, il piu’ bello, quello con la macchina piu’ a posto. O peggio, ha tentato di trasformarlo in uno strumento di marketing a proprio uso e consumo per attivita’ commerciali o professionali, tra chi vendeva auto e chi le raffazzonava alla meno peggio. Lo hanno dimostrato andando via sbattendo la porta e creando un proprio sodalizio perfettamente costruito attorno a tutto questo, propria vetrina personale dove esibirsi facendo financo pagare il biglietto agli spettatori, e strumento di pubblicita’ per vendere o riparare automobili comprate per un tozzo di pane e vendute per pezzi di alto valore collezionistico.

Sono tornate le critiche, scaturite dall’invidia di chi, proprio non ce la fa, a vivere il club nella maniera straordinaria unica degli Alfissima, proprio non ce la fa, ad appartenere con orgoglio a quello zoccolo duro che da 10 anni non scende a compromessi, quella gente a cui non interessa essere il primo della classe con la macchina lucidata e il pomellino al suo posto, quella gente a cui non interessano questioni economiche e di opportunita’, quella gente che della fiat continua a dire quello che pensa, quel club che con orgoglio si e’ fatto espellere dal riar per la sola colpa di voler strenuamente difendere l’ultima baluardo dell’Alfa Romeo, il Museo di Arese.

I “padri fondatori” delle creature che tanto amiamo, dicevano che non si deve mai scendere a compromessi, noi non ci siamo mai scesi. Noi quelle creature amiamo guidarle per migliaia di km perche’ sappiamo che alla fine del viaggio ci sono gli Amici che ci aspettano, perche’ alla fine di quel lungo viaggio si spengono i motori e ci sono le tavolate, lo stare insieme divertendoci come non mai, perche’ in un secondo siamo capaci di passare da un passo alpino guidato sul filo di lana alle risate a crepapelle in compagnia, perche’ siamo come ogni Alfista  a nostro modo di vedere dovrebbe essere, ma noi siamo di piu’, siamo Alfissimi, chi non e’ stato in grado di esserlo, e’ semplicemente andato via, scegliendo strade piu’ consone alla propria maniera di vivere la passione.

C’e’ stato anche chi ha mugugnato che no, non dovevamo permetterci di “espugnare” una “roccaforte” come il Veneto, nei loro sogni forse esclusiva di altri sodalizi, la verita’ e’ che gli Alfissimi quello che vogliono se lo vanno a prendere senza riguardi e senza timori, come un’Alfetta che negli anni 70 ti arrivava al culo incazzata e cattiva e tu, con il tuo 125 dovevi volente o nolente cedere il passo. Anche la festa d’estate la faremo in Veneto, giusto per ricordarvi che quell’Alfetta cattiva e incazzata non ha riguardi per nessuno.164969_541968249187856_2023015780_n

Alfissima continua per la sua strada, chi ha fegato e passione da vendere lo ha dimostrato in questo raduno, siamo orgogliosi e senza reverenze verso niente e nessuno, e non c’e’ posto neanche per “bambini” con problemi mentali.

Siamo ancora i NUMERI UNO, se qualcuno vuole dire il contrario, venga a dircelo in faccia.

 

Il Direttivo di A.R.O.C. Alfissima

 

LE FOTO

 

 

L’anteprima del Video.

4 Comments

  1. Fabrizio aprile 24, 2013 10:13 pm  Rispondi

    Bella la ripresa del Presidente dal basso…. lo fa sembrare alto :)
    Il Magnaghi è ingrassato da morire ahahhahahaah!!!!
    Il Buce è sempre il Buce!!!! Nun se batteeeeeee!!!!
    Per il resto sempre ORGOGLIOSO di essere un Alfissimo!!! Grandi ragazzi!!!!

  2. Luca Farina aprile 24, 2013 11:40 pm  Rispondi

    Alfissimi, sempre e a prescindere da tutto !

    mito e leggenda devono fare i conti con noi !

  3. Andrea Vecchi aprile 25, 2013 5:40 pm  Rispondi

    Vorrei dire anche io due cose su Alfissima…
    Io l’ho vissuta intensamente per due anni,pressochè all’inizio della sua avventura.
    Mi ricordo che ogni evento non era delegato a un socio piuttosto che a un altro ma tutti si spostavano per aiutare nell’organizzazione… Mi ricordo le notti passate insieme a sistemare gadget, a farci stare l’arco aerostatico alto 6 metri in una 75…
    Mi ricordo le notti insonni sul forum a incazzarci ma anche a ridere come matti
    Mi ricordo un Mauro Simonini che rubava la benzina alla SZ del Gippo di nascosto per metterla nel suo generatore per poi addormentarsi sul “Veloce” nell’ora di punta in C.so Buenos Aires
    Mi ricordo le risate per “Alfissima quella vera” forse l’unico fronte da cui ci si doveva difendere, e vedo che ancora oggi Colombo non ha perso il vizio di parlare male degli altri… (in questo c’è da dire che è coerente!)
    Mi ricordo i tantissimi km per le riunioni che una volta erano il giovedì… o che bastava una telefonata per dire a tutti di trovarsi sotto la Mondadori, in un normale lunedì lavorativo, in un giorno di pioggia, solo perchè ci davano dei “retrogradi”…
    Mi ricordo Stizzo che davanti a me disegnava il logo del club che da 10 anni è tra i più bei loghi che io abbia mai visto… il biscione con i ronal…”eccezio”.
    E infine ricordo Sergio Tonelli…
    Che piaccia o no siamo passati tutti da qui, dentro questa associazione siamo cresciuti, ed è bello vedere che qualcosa rimane coerente a se stessa, senza cedere alle “mode” del momento, alle agevolazioni in cambio del silenzio, anche se questo ha comportato la mancanza di supporto della Casa Madre.
    Sono passati tanti anni… ma Alfissima è sempre la stessa:
    un’associazione “senza compromessi” che onora la storia del marchio.
    Continuate così.
    Un doppio lampeggio.

  4. Diego aprile 28, 2013 5:23 pm  Rispondi

    “Alfissima continua per la sua strada, chi ha fegato e passione da vendere lo ha dimostrato in questo raduno, siamo orgogliosi e senza reverenze verso niente e nessuno”

    Punto.

    Ps Torraco vaff…. Ahahahahaha

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto + = 12